IGNORANZA A 5 STELLE

DI-VAGNO

È in questi giorni in discussione alla commissione cultura, della Camera, un progetto di legge “sull’istituzione del premio biennale di ricerca Giuseppe Di Vagno per la conservazione della memoria del deputato socialista assassinato il 25 settembre 1921″.

Per la deputata del PD Michela Marzano, i pentastellati: “Fanno della fine delle ideologie uno dei loro cavalli di battaglia. Fanno della valorizzazione delle competenze una bandiera. Accusano tutti gli altri di essere corrotti, incompetenti, ladri e buffoni … e poi? Poi crollano sotto il peso delle contraddizioni e dell’ignoranza. Poi mostrano di che pasta sono fatti. Poi si ridicolizzano, ridicolizzando al tempo stesso le Istituzioni …” “Perché questo attacco? potrebbe dirmi qualcuno a questo punto, cominciando già ad insultarmi su twitter … prima ancora di aver finito di leggere questo post, oppure di aver capito quello che sto scrivendo dopo averlo letto …” “Loro – spiega la deputata – i magnifici colleghi del M5S, sono post-ideologi”, ma “ da quando in qua essere post-ideologici significa cancellare la storia? Cari colleghi del M5S, prima di fare prediche, riflettete per favore. Gli Italiani non si meritano quest’ignoranza e quest’arroganza …”

Nella giornata di Martedì 19 Novembre 2013, i componenti della Commissione Cultura della Camera aderenti al gruppo del Movimento 5 Stelle hanno presentato diversi  emendamenti. Nello specifico propongono di sopprimere dal testo della legge le parole «per la conservazione della memoria  del deputato socialista assassinato il 25 Settembre 1921», proponendo di sostituire la parola “socialismo” con “la cultura sociale, economica, ambientale”. Cancellando di fatto ogni riferimento storico e politico.  Inoltre sul blog di Grillo compare un post dove si definisce il progetto di legge “un dono che ha carattere propagandistico e clientelare, più che benemerito”.

Chiunque abbia un minimo di cultura – prosegue l’on. Marzano – sa perfettamente chi sia Giuseppe Di Vagno. E conosce il dramma del suo assassinio. E sa quanto sia importante non dimenticare mai quanto accaduto in Italia negli anni Venti-Quaranta. E rispetta la memoria. E onora i sacrifici…

Secondo il segretario del PSI, Riccardo Nencini: “Per i grillini Giuseppe Di Vagno era un illustre sconosciuto e la parola ‘socialista’, un termine desueto e facilmente sostituibile con ‘cultura sociale’. Si comincia spulciando gli scontrini della buvette di Montecitorio e si finisce riscrivendo i libri di storia. D’altra parte non c’è da stupirsene perché la cultura del M5S non va più in là dei discorsi di Beppe Grillo, che com’è noto, sono rinomati per la profondità dell’analisi, la ricchezza dei riferimenti culturali, la purezza dell’eloquio.”

mader

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: