BEPPE GRILLO SCONFITTO E DISPERATO SI CREDE MUSSOLINI

grillo-duce

Il comico si atteggia a Duce, ma nel confronto ha tutto da perdere. Gli mancano oratoria, piglio ed età. La sola cosa di cui è capace è paralizzare il lavoro altrui.

di Gianpaolo Pansa

Quale differenza passa tra Beppe Grillo e Benito Mussolini? In apparenza nessuna. Entrambi sono nemici del Parlamento e dunque dei partiti che lo esprimono. Ma questo sentimento comune non annulla le diversità fra i due capi politici, uno del passato, l’altro di oggi. Queste restano molte e vanno tutte a danno del duce delle Cinque stelle. Lui crede di essere il Mussolini del 2014, ma qualcuno dei suoi intellettuali, per esempio il filosofo Becchi, il professore stralunato che conciona da Genova, dovrebbe spiegargli: «Caro Beppe, devi ancora mangiarne di pagnotte per arrivare all’altezza del duce del Fascismo».

Innanzitutto c’è una questione di stile o di oratoria adatta al momento storico. Grillo dovrebbe studiare quel che accadde il 16 novembre 1922, qualche settimana dopo la marcia su Roma. Mussolini rivolse alla Camera dei deputati un discorso che cominciava così: «Potevo fare di quest’aula sorda e grigia un bivacco di manipoli. Potevo sprangare il Parlamento e costituire un governo esclusivamente di fascisti. Potevo. Ma non ho voluto, almeno in questo primo tempo».

Segnalo al filosofo Becchi, affinché ne informi il suo capo, che la Camera del 1922 era composta in larghissima maggioranza di deputati non fascisti. Eppure concesse la fiducia al primo governo Mussolini con 316 sì, contro 116 no e 7 astenuti. Votarono a favore dell’esecutivo di Benito anche esponenti liberali e dei cattolici  popolari, come Bonomi, De Gasperi, Giolitti, Gronchi, Orlando e Salandra.

 Bene, tanti anni dopo, nel 2013, in quale modo Grillo annunciò la propria vittoria elettorale e i suoi propositi di capo partito diventato padrone di un bottino elettorale di quasi otto milioni di voti? Ci si aspettava da lui un discorso memorabile, ancorché pronunciato fuori da Montecitorio, luogo proibito all’incandidabile comico di Genova, causa incidente stradale con qualche morto. Invece si limitò a poche parole, grossolane e volgari, di genere gastronomico: «Aprirò il Parlamento come una scatola di tonno».

mader

da Libero Quotidiano

 

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • Bombarda  On 3 febbraio 2014 at 11:18

    Mussolini di politica ne capiva molto, praticamente era un politico da quando era bambino, conosceva il gioco parlamentare, grillo ha imparato solo un po’ di demagogia spicciola.
    Se vogliamo continuare il parallelo…Mussolini finì la sua avventuara appeso a Piazzale Loreto con la gente che gli sputava addosso, se, anzi quando, a grillo succederà, metaforicamente eh (altrimenti mi denunciano per incitamento alla violenza), lo stesso sono sicuro che la maggior parte dei suoi sfegatati sostenitori spintoneranno per essere in prima fila tra quelli che gli sputeranno addosso.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: