GESSICA ROSTELLATO: “NON VOTO PIÙ MOVIMENTO 5 STELLE”

gessica-rostellato-matteoderrico
Una cosa è certa non voterò Movimento 5 Stelle alle prossime elezioni europee”.
Così Gessica Rostellato, deputata del MoVimento 5 Stelle, in un’intervista a Repubblica nella quale critica i talebani grillini.
Onorevole, in serata i deputati hanno convocato una riunione per discutere, tra l’altro, del caso di Tommaso Currò. C’è chi ha proposto l’espulsione. “Lo accusano di aver fatto una “marchetta” con un emendamento”.
Lei è favorevole all’espulsione?
“Io voto sicuramente contro l’espulsione, come ho sempre fatto anche in passato”.
Ma cosa sta succedendo nel Movimento?
“Non capisco perché sia in atto questa radicalizzazione. Forse perché lo vuole qualcuno…”.
Forse è un modo per aumentare il consenso in vista delle Europee?
“Non so se è per questo motivo. Ma una cosa è certa: sicuramente non voterò per il Movimento cinque stelle alle prossime elezioni Europee”.
Dice davvero?
“Certo. Noi non possiamo mandare in Europa gente come questa (si volta verso l’Aula di Montecitorio, ndr). Io mi vergogno di quanto accaduto”.
Sono parole durissime, onorevole. Il clima è pesante d’altra parte?
“Quello che è successo è inaccettabile”.
Allude agli “incidenti” degli ultimi giorni?
“Non condivido nulla di quanto accaduto, non mi riconosco in quello che siamo diventati”.
Quindi si prepara a lasciare il Movimento?
“No, io voglio restare nel Movimento. Se ne devono andare loro. Stanno facendo cose che non c’entrano niente con il Movimento cinque stelle. Nessuno dei nostri si è comportato così. Non è che nei consigli comunali facciamo cosi!”.
A chi si riferisce? Chi se ne deve andare?
“Sorial, Tofalo e De Rosa”.
Nell’ordine, il deputato che ha dato del “boia” a Giorgio Napolitano, quello che ha pronunciato un “boia chi molla” e l’autore degli insulti sessisti alle deputate del Pd. E il caso di Claudio Messora, come lo giudica? Chiede anche le sue dimissioni?
“Credo proprio che Messora si debba dimettere”.
Senta, poco fa si sfogava ad alta voce con una sua collega, in un corridoio di Montecitorio. Diceva di essere venuta in parlamento per lavorare. Sembrava sconfortata. Ci spiega?
“Si, io sono venuta qui per lavorare, non per fare comunicazione, né per fare quello che è successo negli ultimi giorni”.

mader

da la Repubblica

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • Riccardo_C  On 16 marzo 2014 at 04:33

    mah…sar`vera questa intervista…il 09.03.2014 GESSICA ROSTELLATO scrive sul suo profilo facebook…

    “Comincio a non sopportarlo più questo continuo attacco dei media su qualunque cosa dica o scriva Grillo…
    Creare sterili polemiche su ogni argomento, accomunarci ad altre forze politiche, travisare qualunque frase sembra diventato lo sport nazionale dei “giornalisti” italiani.
    Se scrivessero invece tutte le porcate che si fanno in questo paese, forse, darebbero un servizio utile a questa povera Italia!
    Vi racconto; oggi mi chiama un giornalista di Repubblica dicendomi – “oggi Grillo ha detto che vuole la divisione dell’Italia, lei cosa ne pensa?”.
    Di primo acchitto sono rimasta decisamente perplessa e ho risposto che non avendo letto il post non mi sembra il caso di dare opinioni su interpretazioni del testo.
    Il tizio continua ad insistere chiedendomi le solite cavolate su alleanze con la Lega (non hanno ancora capito che noi le alleanze non le facciamo) e sul referendum sull’indipendenza del Veneto.
    Dopo questa telefonata guardo il contenuto che Beppe avrebbe scritto e capisco che come al solito si vuole travisare e ingigantire ogni cosa.
    Decido quindi di richiamare dicendogli che a mio parere stanno facendo interpretazioni sbagliate e dire che, con macroregioni, potremmo ridurre il poltronificio e gestire meglio l’Italia non è poi una idea cosi campata in aria!
    Puo essere una proposta… perchè no?
    Gli italiani si potrebbero esprimere con un referendum (ad esempio) che è sempre un bel bagno di DEMOCRAZIA, che sappiamo, poco piace alle altre forze politiche!
    Ma io dico, cari giornalisti, mai chiamarci per chiederci cosa facciamo e quali proposte stiamo portando avanti?
    Potrebbe essere controproducente per i vostri “padroni” far sapere che il Movimento lavora e lavora sodo per il Paese!
    Invito l’Ordine dei Giornalisti a vigilare con più energia sui limiti che spesso si superano.”

    Mi piace

    • matteoderrico  On 16 marzo 2014 at 17:31

      Visto che siete così bravi (sic!), fateci sapere cosa state facendo di buono. Invece di invocare sempre censure suglli altri.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: