IL REGISTA VIRZÌ SU BEPPE GRILLO: “SOFFRE DI AUTOESALTAZIONE, NON SA CONTROLLARSI”

paolo-virzì-matteoderrico

Il regista Paolo Virzì intervistato dalla Stampa sul comportamento tenuto dal leader del Movimento cinque stelle durante l’incontro alla Camera con Matteo Renzi: “Monologo con la bava alla bocca da Brancaleone del web”.

Virzì, come le è parso lo spettacolo dell’incontro Renzi-Grillo?

«Una cosa angosciante. Vien voglia di spegnere la tv, perché ormai Grillo mi pare una persona con qualche disturbo mentale».

Addirittura?

«Ma sì, è affetto da mitomania, soffre di autoesaltazione, non sa controllarsi, è capace solo di trasmettere un malumore devastante. Non avevo nemmeno ben seguito la sequenza di avvicinamento a questo incontro, attraverso un sondaggino…».

Un sondaggione, ci hanno partecipato in più di quarantamila.

«Peggio ancora. Gli dicono di andare a questa consultazione e lui ci va come un bullo, con una logica da gang, a far vedere che è quello che mena di più. Era del tutto insensato, urlava a Renzi che aveva copiato dal Movimento cinque stelle metà del programma, e allora, dico io, questo è un successo politico, rivendicalo, se quei temi ti stanno a cuore. Se non sei solo un furbacchione che approfitta dello sconforto della gente».

Con quali fini?

«Puro ego. Vanità. Conosco poco i politici ma conosco bene gli attori: sono fragili, sono sottoposti a fortissimi stress, vanno protetti. È una delle professioni a più alto rischio di psicolabilità…».

Ancora…

«Passano frequentemente e rapidamente da stati di esaltazione a stati di depressione. Davvero oggi sono rimasto colpito. Se Grillo fosse veramente sensibile ai temi di cui si fa paladino, assisteremmo allo sforzo di costringere i propri avversari a far qualcosa, e invece ci sciroppiamo questi monologhi con la bava alla bocca. L’unica sua logica, temo, è quella del tanto peggio tanto meglio. È come se si augurasse la catastrofe per trarne vantaggio elettorale. Mi ricorda un altro grande cinico, che scese in politica per salvare l’Italia, quando di governare non gli importava nulla, gli premevano molto sue questioni personali e aziendali…».

Berlusconi.

«Appunto. Ma Grillo è più allarmante perché arriva come la ciliegina sulla torta su un’Italia sfinita, e alimenta ancora di più l’astio, la sfiducia, la demagogia, la rabbia».

Però, perdoni: non è candidabile, non ambisce a cariche. Quale sarebbe il suo scopo?

«Infatti ogni spiegazione è insufficiente se non si ricorre alla categoria della psico-politologia. Per vanità, per nutrirsi dell’adrenalina del consenso, dell’acclamazione, una vera droga. Cosa dire di una persona che si infuria, anziché esserne contento, se altri inseriscono nel loro programma le sue idee. Che tra l’altro mi sembrano a loro volta orecchiate un po’ malamente. Ma in mezzo ci sono temi importanti e giusti, che altrove nel mondo danno vita a movimenti, a campagne di pressione. Solo in Italia tutto diventa una baracconata autoritaria col guru televisivo e i seguaci invasati. È un aggiornamento del Medioevo di Brancaleone negli anni del web, Grillo sa solo elencare urlando i guai del mondo, come certi apocalittici millenaristi, creando un senso di appartenenza da setta. Ma su questi presupposti non si fonda un movimento politico moderno. E ne avremmo un gran bisogno, di rifondare profondamente la politica, i suoi meccanismi di partecipazione, con una vera rivoluzione».

Però dare a uno del matto è roba da regime stalinista.

«Se è per questo mi pare matto anche Renzi, nel suo rischiare l’osso del collo formando un governo d’emergenza in questo contesto, con questi alleati. Comunque Grillo ha detto cose impressionanti, non sono democratico, non ti ascolto, sono per una dittatura sobria. Altre volte ha detto che il Movimento raggiungerà il 100 per cento, che sarà l’unico partito. Ma nemmeno Hitler! Sono i lapsus di un analfabeta totale, inattrezzato dei fondamentali della civiltà. Al delirio narcisistico va aggiunta questa vuotaggine, questa mancanza di sostanza, di cultura, di riflessione autentica. Mi stupisco che persone come Dario Fo non abbiano avuto la forza di farglielo notare».

Ha fatto bene Renzi a non dargli troppa corda?

«Sì, penso di sì. Ha fatto anche un paio di battute divertenti, come “Beppe esci da questo blog”. Forse poteva battere i pugni sul tavolo, ma avrebbe rischiato di trasformare quell’incontro in una piazzata fra liceali».

Che pensa di Renzi?

«È un vero politico, nel bene e nel male. Con una grandissima ambizione, e non è un difetto. Soltanto l’ipocrisia del vecchio Pci imponeva di tenere occultate le ambizioni, ma tutti sapevamo che c’erano. E poi Renzi ha fretta, ha voglia di correre e forse la velocità lo porterà a commettere degli errori, ma almeno ha capito che non c’è più un istante da perdere».

Dunque, un matto anche lui?

«Certo, ma il suo istinto sventato e irragionevole, insieme con la fretta, sono anche un vantaggio: se non sarà in grado di combinar nulla lo vedremo subito, no?»

mader

di Mattia Feltri per La Stampa

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • bruno  On 23 febbraio 2014 at 13:57

    Caro Paolo Virzi, hai il diritto di criticare Grillo anche aspramente, dicendo che è un autoesaltato, perfino che è un matto da legare ma mi domando: in questi 20 anni perché non ci avete pensato voi che odiate oggi Grillo. Se lo aveste fatto, Grillo, Casaleggio e il M5S non sarebbero mai nati e non si sarebbero mai presi la responsabilità in prima persona di tentare di cambiare un sistema malato che si regge sulla complicità, l’identificazione con il proprio simile. I veri malati sono gli italiani, caro Virzì, perché non ti prendi la responsabilità di fare un film sulla PESTE EMOZIONALE? Il capitale Umano sano, non esiste se non si va alla fonte del male UMANO che genere ogni tipo di problema, sociale, politico, religioso, culturale, economico, ecc. ecc. Grillo è una persona Viva e come tutte le persone vive esprime ciò che le persone distorte non possono esprimere perché patologicamente corazzate. Se hai provato angoscia c’è un motivo, perché davanti alla vita libera, le persone corazzate si sentono male perché troppa vita smuove la corazza di chi osserva. Come regista dovresti saperlo, ma nutro dei dubbi che tu sappia quale energia ti fa star male davanti all’immagine che paradossalmente crei tu.

    Mi piace

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: