Attualità

LA DOPPIEZZA DEI GRILLINI SUL VOTO DI SCAMBIO POLITICA-MAFIA

voto-di-scambio-m5s-matteoderricoDiventa definitivamente legge il ddl sul voto di scambio politico mafioso. Dopo due decenni il voto di scambio con la mafia diventa reato.

Il politico che paga o promette denaro o favori, posti di lavoro, appalti ecc. ecc. in cambio di voti mafiosi verrà punito.

Per il Procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti: “Abbiamo una norma perfetta e veramente utile a contrastare lo scambio tra politica e mafia”. Positiva la reazione anche di Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità anticorruzione, che a Sky Tg24 ha detto: “Credo che sia una legge fatta molto bene. Il testo è stato migliorato e punisce quello che deve essere punito, e cioè lo scambio delle promesse fra mafiosi e candidati”.

Ma per i 5 Stelle le cose stanno in altro modo. Il senatore Mario Giarrusso sostiene che le norme approvate oggi dal Senato rappresentano “un nuovo patto con la mafia”.”Non saremo mai vostri complici”, ha detto rivolgendosi all’aula, e aggiungendo che occorrerebbe provare vergogna di “spacciare una riduzione delle pene per progresso nella lotta alla mafia.”

Ma il testo approvato è lo stesso già approvato dalla Camera all’unanimità, e quindi con il voto favorevole anche degli stessi grillini a Montecitorio.

mader

21 pensieri riguardo “LA DOPPIEZZA DEI GRILLINI SUL VOTO DI SCAMBIO POLITICA-MAFIA”

  1. Quanta disinformazione in questo articolo! il testo del ddl è STATO MODIFICATO ed è per questo che il M5S non lo ha rivotato.La “doppiezza” la vedo solo in gente come lei che scrive in modo fuorviante stravolgendo la Verità. Per fortuna in Italia ci sono ancora Uomini con la U maiuscola come Ferdinando Imposimato che su questa schifezza di legge appena approvata scrive così: “Oggi è stata una giornata buia per le istituzioni. La legge sul voto di scambio riducendo la pena da 4 a 10 anni , rispetto a quella prevista dalla proposta Giarrusso da 7 a 12 anni , porterà alla prescrizione di molti reati e alla mancata interdizione dei politici scambisti : inoltre è probabilmente incostituzionale: essa viola il principio della eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge sancito dall’art 3 della Costituzione; non c’è proporzione tra pena e gravità del reato. Non si può condannare un cittadino normale alla stessa pena prevista per un politico che ricorre al voto di scambio elettorale. E’ assurdo il privilegio per coloro che scendono a patti scellerati con feroci assassini di Cosa Nostra, come ha detto la senatrice Paola Taverna nel suo intervento al Senato. Il principio di adeguatezza è rispettato dal codice penale in casi analoghi; infatti la legge punisce in modo esemplare un magistrato che si fa corrompere rispetto ad un semplice cancelliere .Il privilegio a favore dei politici nasce dall’accordo tra Forza Italia e Matteo Renzi , espresso dal consenso dell’onorevole Brunetta, capo gruppo alla Camera per Forza Italia . Milioni di voti vengono dai mafiosi senza una previa promessa di denaro . Cosa Nostra non ha bisogno di denaro ma di potere e di favori. Invocare Giovanni Falcone sulla presunta non chiarezza della legge La Torre è sbagliato. Falcone era entusiasta di quella legge. Per la quale sono stati confiscati centinaia di miliardi di euro a mafiosi e politici e Pio La Torre venne ucciso . Falcone si dolse con la scrittrice francese Marcelle Padovani della “ scoperta di uomini politici che accettano di venire discretamente a patti con Cosa Nostra , dal momento che il controllo del territorio, tipico del metodo mafioso, significa condizionamento del potere politico; con tutte le conseguenza elettorali immaginabili” ( G Falcone a Marcelle Padovanì Cosa Nostra Rizzoli Milano p 165). Falcone dunque stigmatizzò accordi taciti senza denaro o utilità. Ci furono uomini come il democristiano Piersanti Mattarella che non scese mai a patti con Cosa Nostra, che vennero uccisi per la loro fedeltà alla legge .”
    Ferdinando Imposimato

    "Mi piace"

    1. Certo che siete proprio di coccio! Per farvi capire le cose più semplici vi devono trapanare il cervello e inserirvele con la forza!
      Nell’ordinamento bicamerale italiano, (quello attualmente in vigore) una legge perchè sia tale e definitiva deve essere approvata con lo stesso testo sia alla Camera che al Senato. Giacchè il ddl (disegno di legge) in questione è stato approvato definitivamente ed è legge della Repubblica Italiana, significa che il Senato lo ha approvato nella stessa formulazione della Camera. Queste cose si studiano in prima elementare. Al di la di persone, più o meno autorevoli, che leggittimamente la pensano in modo diverso, sarebbe opportuno, per evitare figuracce che i grillini deputati si mettano d’accordo con i grillini senatori, così votano allo stesso modo!

      "Mi piace"

      1. Ma stai cercando di parlare di politica e di ordinamento giudiziario… A UN GRILLINO??? Ma sei pazzo??? E’ come fare 8 ore di seminario sulla fisica quantistica a un bambino di 6 anni e chiedergli poi di fare una tesi sulla gravità quantistica… E’ un atto coraggioso, ma credimi… se si tratta di andare sui tetti per fare spettacolo ok… altrimenti i grillini sono inutili…

        "Mi piace"

      2. La colonna di pietra sentitamente vi ringrazia, gente presuntuosa che pur di essere “antrigrillina” preferisce stare dalla parte dei politici che prendono voti dai mafiosi. Sinceri complimenti, a entrambi. Addio.

        "Mi piace"

      3. Lei è davvero molto maleducato offensivo e arrogante… non so davvero perchè ho perso 5 min. della mia vita x rispondere a un post del suo blog inutile.. continui pure indisturbato con la sua disinformazione.

        "Mi piace"

  2. Ma lei dovrebbe sapere che la Camera ha sì ridotto la forbice, ma in terza lettura, grazie al voto di maggioranza e FI, e bocciato l’emendamento presentato, sempre alla Camera, dal m5s, per riportare la forbice a 7-12 anni. Faccia la sua “disinformazione” con un po’ meno sfacciataggine.

    "Mi piace"

      1. Evidentemente ella, oltre che disinformato, è anche presuntuoso. Se ha un po’ di pazienza le allego i “documenti”.

        "Mi piace"

      2. Le ho inviato il link della votazione alla camera, 3 aprile 2014, stranamente non passa la “moderazione”. Il sito della camera è online e pubblico, ci sono i nomi dei votanti, uno per uno, favorevoli e contrari.

        "Mi piace"

      1. Tutti possiamo sbagliare, non è la fine del mondo ammettere di aver scritto una sciocchezza, se non lo si è fatto … apposta. 😉

        "Mi piace"

  3. Guardi, ho controllato bene la seduta che mi ha indicato, 16/07/2013. Lei ha in parte ragione. In quella seduta alla Camera, il m5s ha votato il testo “base”, nella stessa seduta ha proposto (a firma Sarti e altri) un emendamento, il n. 1.12, con le pene “giuste”. Emendamento votato dal m5s e bocciato dagli altri. Tutto questo è facilmente (si fa per dire!) leggibile nei documenti di seduta e nel riepilogo delle votazioni.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...