LEGHISTI E GRILLINI, È TUTTO UNO SHOW ELETTORALE. SU COSE SERIE

bagarreSenatoCameraL’approvazione del nuovo 416 ter del codice penale sul voto di scambio e l’informativa sugli sbarchi degli immigrati sono stati l’occasione per il M5S e i deputati di Salvini di trasformare camera e senato in piazze per comizi.

La campagna elettorale del M5S e della Lega, una campagna violenta e disperata, ha eletto il parlamento a luogo privilegiato di attacchi e gesti spettacolari. Le scene immortalate ieri da flash e telecamere alla camera e al senato si ripeteranno nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, a partire da oggi, quando il Def approderà in aula a palazzo Madama e Montecitorio.

Una strategia elettorale che impone a Beppe Grillo e Matteo Salvini di alzare sempre di più i toni cercando di screditare qualunque iniziativa, atto, legge promossa o sostenuta dal governo e dalla maggioranza. Con una differenza fondamentale: che il leader di M5S ha scelto Matteo Renzi e il Pd come nemico pressoché esclusivo, mentre la Lega concentra i suoi sforzi principalmente su Angelino Alfano.

Obiettivi apparsi chiarissimamente ieri, quando si sono scatenate le offensive: l’informativa del ministro dell’interno sull’immigrazione e l’approvazione finale della legge sul voto di scambio sono diventati l’occasione per urla, insulti, esibizioni di foto di Giorgio Napolitano, di cartelli e fotomontaggi Renzi-Berlusconi con la coppola siciliana.

Il disegno di legge sul voto di scambio politico-mafioso (articolo 416 ter del codice penale) è diventato legge alla sua quarta lettura con 191 voti favorevoli, 32 contrari (M5S) e 18 astenuti (Lega; ma al senato l’astensione equivale al voto contrario) nel clima da rissa scatenato dalla mistificazione comunicativa dei seguaci di Grillo, due dei quali sono stati espulsi dall’aula. Mentre a Castelvetrano, paese natale di Matteo Messina Denaro, si svolgeva un imponente corteo anti-mafia organizzato dai sindacati, dall’amministrazione comunale e da molte associazioni, a Montecitorio gli esponenti di Cinquestelle si opponevano al nuovo 416 ter (applicabile da subito, dunque anche dalla prossima campagna per le europee), che punisce con pene dai 4 ai 10 anni il politico che paga, o anche semplicemente promette – a prescindere dall’attuazione di quanto assicura – denaro o «altra utilità» (favori, posti di lavoro, appalti e quant’altro) in cambio di voti. Una svolta arrivata dopo oltre vent’anni benedetta anche dal procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti: «Abbiamo uno strumento in più contro le mafie e si toglie spazio alla zona grigia».

«Alfano ministro degli immigrati» è lo slogan con cui la Lega e il suo giornale, la Padania, additano il leader di Ncd all’elettorato del quale vogliono aizzare la paura. «Non barattiamo i morti per un uno per cento alle elezioni. Questa è la differenza tra il grande paese che siamo e una repubblica delle banane. Garantiremo la sicurezza e le vite umane» ha gridato ieri Alfano alla camera, mentre Laura Boldrini prima espelleva il deputato Prataviera, poi sospendeva la seduta. Oggi, forse, si replica.

mader

Mariantonietta Colimberti per Europa Quotidiano

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: