BUFERA SU BERLUSCONI NEL PPE – JUNCKER: “DISGUSTATO”. MERKEL: “INCOMMENTABILI”

Luxembourg's Prime Minister Juncker talks with Germany's Chancellor Merkel during European Union leaders summit in BrusselsLe parole di Silvio Berlusconi sulla Germania e i lager («per i tedeschi non sono mai esistiti», ndr) irrompono sulla scena europea a un mese dalle elezioni. E creano una frattura all’interno del Partito popolare europeo, lo stesso a cui appartiene Forza Italia.

«Incommentabili». Di più: «Assurde». A due giorni di distanza, le parole di Silvio Berlusconi sui campi di sterminio continuano a fare discutere ed oggi è intervenuto il portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel a sottolineare che, quanto detto dal presidente di Forza Italia circa il negazionismo del popolo tedesco sono, appunto, «assurdità incommentabili». «Le affermazioni sono talmente assurde che il governo tedesco non le commenta», ha affermato durante un briefing con la stampa il portavoce della cancelliera tedesca, Steffen Seibert, citato dal sito del giornale Tageblatt. «Non commento neppure i manifesti elettorali negli altri Paesi», ha aggiunto il portavoce a proposito dello slogan «Più Italia, meno Germania» circolato su Internet con il logo di Forza Italia, «la Germania lavora insieme all’Italia in amicizia e questo non cambierà».

Poche ore prima era intervenuto anche Jean Claude Juncker.

La frase del Cavaliere «mi ha disgustato», dice Juncker. Il candidato del Ppe alla presidenza della Commissione Ue sottolinea come su «alcune cose non si scherza» e chiede a Berlusconi «di scusarsi con i sopravvissuti all’Olocausto e con i cittadini tedeschi per le sue dichiarazioni». «L’Italia è una grande nazione – ha aggiunto – ma anche la Germania è una grande nazione. Tutti i 28 Paesi della Ue sono grandi nazioni. Nessuno ha il diritto di insultare gli amici e i partners della Ue. Nella politica europea non c’è spazio per dichiarazioni divisive che tradiscono i valori su cui la nostra Unione è fondata. Per tutti quelli che hanno la storia europea in mente , l’Olocausto, costato la vita a milioni di innocenti, non è un tema su cui ridere».

mader

Fonte La Stampa

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: