BEPPE GRILLO VINCE LA CLASSIFICA DEI POLITICI BUGIARDI 2013

beppe-grillo-matteoderricoIn tema di politici bugiardi, è stata fatta una classifica del 2013, nell’ambito della quale risulta vincitore Beppe Grillo. Il tutto è stato elaborato da Pagella Politica, un sito partecipativo, il cui staff è costituito da studiosi e ricercatori, che tengono in considerazione le segnalazioni dei lettori.

In questo modo possono tenere d’occhio le affermazioni dichiarate dai vari politici italiani, per poi confrontarle con dati e numeri reali e vedere se corrispondono alla verità oppure se si tratta soltanto di panzane. Sulla base di tutto ciò viene assegnato il premio della cosiddetta “panzana dell’anno“, che quest’anno è andato appunto al leader del Movimento 5 Stelle.

Beppe Grillo, riferendosi al modello della Germania, aveva detto: “La crescita non dà posti di lavoro, li toglie“. Secondo l’ex comico, la produzione tedesca, con il suo raddoppio, avrebbe determinato una riduzione del 15% dei posti di lavoro. Pagella Politica ha riportato i dati Eurostat e Ocse, mettendo in evidenza che l’aumento della produzione ha costituito la spinta per l’aumento complessivo dell’occupazione.

Ma non è solo Beppe Grillo il “politico bugiardo”. Un bel secondo posto lo ha conquistato, infatti, Gianni Alemanno. Quest’ultimo aveva dichiarato: “Attualmente, il debito del Comune di Roma è zero“. Nel suo ruolo di sindaco della città ha poi finito con lo svelare un bilancio totalmente in rosso. Per questo, dopo il 51% dei voti dei lettori, Alemanno ha conquistato il 20% delle preferenze.

Con il 16% delle votazioni, al terzo posto troviamo Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia aveva detto: “Non c’entra nulla il governo sulla riduzione dello spread“. Niente affatto! Anch’egli categoricamente smentito, perché la sua non era altro che un’emerita panzana.

Altre bugie sono state raccontate da Nichi Vendola, a proposito di come l’Unione Europea ha reagito sull’Imu, da Roberto Maroni, che ritiene il governo Monti responsabile per l’estromissione della Lombardia dal gruppo delle 100 regioni più competitive d’Europa. Non mancano Renato Brunetta, Mario Monti e Ignazio Marino. Il primo aveva affermato che bisogna avere una maggioranza precostituita per ricevere l’incarico di formare un governo, il secondo ha dichiarato che i governi precedenti rispetto al suo avevano di molto aumentato le tasse e il terzo ha detto che nel 2012 Berlino ha superato Roma per numero di turisti.

mader

Nano Press

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: