POLIZIA, IL COISP RISPONDE A GRILLO: “STRUMENTALIZZA, NON CI TIRI PER LA DIVISA”

beppe-grillo-matteoderricoIl sindacato replica alle dichiarazioni del leader del M5s ieri a Torino. Esposito, vicepresidente Copasir: “Giù le mani dalle forze dell’ordine”.

Dopo le battute di Beppe Grillo, che ieri a Torino ha detto che tutte le forze di polizia sono dalla sua parte e ha fatto un appello affinché vengano tolte le scorte ai politici, oggi arriva la risposta del Coisp. “Le forze dell’ordine non stanno dalla parte di nessun partito o movimento, ma dalla parte delle Istituzioni e della legalità – ribadisce Franco Maccari, segretario generale del sindacato di polizia – Ci aspetteremmo, piuttosto, che tutte le forze politiche stiano dalla parte nostra, contribuendo fattivamente a risolvere le situazioni di malessere degli operatori del comparto sicurezza, anzichè strumentalizzarle per i propri tornaconti elettorali, salvo poi per lo stesso motivo gettare fango su chi compie il proprio dovere”.

“Una cosa è il giudizio che ogni poliziotto è libero di dare del modo in cui la politica spende i soldi destinati a garantire la sicurezza dei cittadini – ed è innegabile che buona parte di quei soldi, come abbiamo spesso denunciato, finiscano per tutelare una categoria specifica di cittadini: quei politici che fanno delle scorte e delle auto blu inutili status symbol -, una cosa è pensare che un poliziotto possa venir meno ai propri doveri ed alla fedeltà alle istituzioni”, rileva Maccari.

“Piaccia o non piaccia -continua Maccari- le istituzioni rappresentative sono l’espressione della volontà popolare, e ciò a rappresentare il fondamento di quella democrazia che siamo chiamati a difendere, con lealtà e onore. Anzichè – è il caso di dire – ‘tirarci per la divisa’, Beppe Grillo con la sua folta rappresentanza parlamentare farebbe bene a dimostrare una reale attenzione verso le problematiche che interessano il nostro lavoro, anzichè utilizzare la stessa piazza, alla prima occasione, per riversare sui poliziotti insulti e nefandezze per compiacere il proprio elettorato”.

Nel dibattito interviene anche Giuseppe Esposito, senatore di Ncd e vicepresidente del Copasir: “Beppe Grillo tenga giù le mani dalle forze dell’ordine e non si azzardi più a dare connotazioni politiche alle donne e agli uomini che ogni giorno difendono la sicurezza di tutti i cittadini”.

“In epoca repubblicana – sottolinea Esposito – non era mai accaduto che il capo di un partito avocasse a sé il controllo di alcuni corpi armati dello Stato, le parole di Grillo sono di una pericolosità inaudita e non possono essere sottaciute o sottovalutate. Le forze dell’ordine difendono tutti i cittadini a prescindere dal loro orientamento politico e sono il baluardo su cui si fonda la sicurezza della nostra Nazione. La deriva estremista di Grillo prende ogni giorno pieghe più preoccupanti e dimostra l’inadeguatezza e l’incapacità del Movimento 5 Stelle di poter essere all’altezza delle alte responsabilità che spettano a chi rappresenta le istituzioni. Molti ridono nell’ascoltare Grillo – conclude il vicepresidente del Copasir – ma ci sarebbe invece da preoccuparsi seriamente”.

mader

la Repubblica

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: