GRILLINI IN GUERRA A BRUXELLES


<!–[if !mso]>st1\:*{behavior:url(#ieooui) } <![endif]–>

Scoppia la guerra europea tra i grillini per un seggio a Bruxelles. Lo scorso 18 luglio è stato presentato al tar del Lazio un ricorso per l’annullamento dell’elezione di Marco Zullo al Parlamento Europeoin favore della prima pentastellata non eletta nella Circoscrizione Italia Nord Orientale, Giulia Gibertoni.


Se non si trattasse del Movimento 5 stelle sarebbe una cosa normalissima, il primo dei non eletti che ritiene sbagliato il conteggio delle preferenze chiede ai giudici di fare una verifica sperando di prendere il suo posto. Ma nel partito di Grillo dove la frase “uno vale uno” viene ripetuta come un mantra, per spiegare che è indifferente chi occupa una certa carica l’importante è che ci sia un grillino perché le idee del movimento camminano nello stesso modo sulle gambe di tutti, il ricorso al Tar fa storcere la bocca a molti.

Infatti, la persona che ha fatto ricorso per chiedere il riconteggio delle preferenze non è Giulia Gibertoni (colei che in caso successo otterrebbe il seggio da europarlamentare) ma una cittadina italiana iscritta nelle liste elettorali del Comune di Parma che contesta l’attribuzione di 2 voti in più a Zullo. 

Il problema nasce dal fatto che in un primo momento, subito dopo le elezioni europee del 25 maggio 2014, alla Gibertoni fu comunicato dalla Prefettura di Modena la sua elezione al Parlamento Europeo ma pochi giorni dopo (il 10 giugno) – si legge nel ricorso –  “le veniva comunicato un risultato elettorale completamente diverso in base al quale la signora Gibertoni aveva perso molti voti, fino addirittura ad averne meno del signor Marco Zullo, sino ad allora primo dei non eletti, che per una minima differenza, per soli due voti la sopravanzava”. Così pur non essendo stata la Gibertoni a fare ricorso per annullare l’elezione di Zullo, in caso di accoglimento della richiesta sarebbe costei a beneficiare del giudizio.

Dal Movimento 5 Stelle a Bruxelles non trapelano commenti ufficiali ma dai territori di provenienza di Zullo e Gibertoni i malumori sono forti, al punto che diversi attivisti grillini del Friuli Venezia Giulia fanno notare che “se, dopo l’avvicinamento contradditorio che ha visto il M5S, prima contro ogni dialogo col Pd, chiedere il confronto politico dopo i risultati delle europee, decade anche il caposaldo che 1 vale 1 a suon di carte bollate è meglio ammainare la bandiera e andarsene a casa, il Movimento è finito”.

E rincarano la dose dicendo: “se Grillo non prenderà posizione subito, dando un segnale netto risolvendo da subito questo caso sarà spaccatura”

Ma visto che è difficile che l’ex comico prenda una posizione ufficiale su questa querelle non resta che aspettare la pronuncia dei giudici, e “la prima udienza – spiega Marianna Caretti, uno degli avvocati che ha firmato il ricorso – è stata fissata davanti al Tar del Lazio il 4 dicembre 2014”.
mader

Caris Vanghetti per Panorama
Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: