Beppe Grillo, Grillo, mader, Marco Travaglio, Movimento 5 stelle

GRILLO E IL PREMIO “GIORNALISTA DELL’ANNO”. A SORPRESA SCOMPARE TRAVAGLIO


Il popolo grillino del web ha votato per il giornalista dell’anno. A sorpresa Marco Travaglio, che qualche ora fa superava il “detestato” Zucconi, è scomparso dalla classifica.


Il  vicedirettore del Fatto Quotidiano, manca dalla classifica dei top ten. Il suo nome non era stato inserito nella rosa proposta dal Blog di Beppe Grillo, ma ha comunque ottenuto più di 600 voti nella sezione “Indica un altro giornalista che non è nella lista”, attestandosi al settimo posto.

Il blog di Grillo, però, non ne fa menzione.


mader

Annunci
Bossi, Carroccio, la Repubblica, Lega, Lega Nord, mader, Matteo Salvini

BOSSI DENUNCIA SALVINI PER IL MANCATO VITALIZIO


Umberto Bossi denuncia Matteo Salvini. Proprio così, il Senatur che ha fondato la Lega Nord ha deciso di portare in tribunale l’attuale segretario del Carroccio. È quanto riporta il quotidiano la Repubblica

Il motivo della lite è pecuniario: Salvini avrebbe infatti negato a Bossi un vitalizio annuo di 900mila euro, ridotto a 400mila, poi a 200 e infine negato da Salvini venendo meno ai patti messi nero su bianco in una scrittura privata. Nella ricostruzione di Repubblica, Bossi aveva ottenuto un sequestro cautelativo di 6 milioni di euro sui conti leghisti per assicurarsi il vitalizio e pagare la parcella del proprio avvocato, Matteo Brigandì.

Approda in Tribunale la querelle tra le due anime della Lega: quella di Umberto Bossi e quella del nuovo corso di Matteo Salvini. 
Oggetto del contendere il vitalizio di 900 mila euro al ‘Senatur’ percepito dalla Lega che, secondo il quotidiano ‘La Repubblica’, dopo varie trattative sarebbe stato ridotto a 400 mila euro, poi a 200 e infine negato da Salvini a Bossi il quale ha citato davanti al Tribunale di Milano il suo partito. Nella ricostruzione di Repubblica, Bossi aveva ottenuto un sequestro cautelativo di 6 milioni di euro sui conti leghisti per assicurarsi il vitalizio e pagare la parcella del proprio avvocato, Matteo Brigandì.
Grazie alla mediazione del tesoriere del partito, Stefano Stefani, si era giunti una scrittura privata con la quale Bossi svincolava i sei milioni e si assicurava un vitalizio di 400 mila euro, poi ridotti a 200 per le difficoltà di cassa del Carroccio. L’accordo prevedeva anche la rinuncia da parte della Lega di costituirsi parte civile nel procedimento penale contro il Senatur e i suoi due figli per i presunti fondi sottratti alla Lega. La goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso sarebbe appunto stata l’annuncio della decisione del Carroccio di volersi costituire parte civile nel procedimento, la cui prima udienza è prevista il 10 ottobre. Da qui l’atto di citazione, di cui il quotidiano pubblica la fotografia della prima pagina, mentre, sul piano penale, Bossi si sarebbe riservato di denunciare Salvini per truffa.
Nonostante la citazione pubblicata da Repubblica e la fotografia dell’atto, sul proprio profilo su Facebook Matteo Salvini ha però smentito la faida interna, annunciando querele:      

mader
Beppe Grillo, Carroccio, Grillo, Lega, Lega Nord, mader, Matteo Salvini, Movimento 5 stelle

INSULTI TRA 5 STELLE E LEGA


Ora lo scontro è tra Lega Nord e M5s, dopo un post sul blog di Beppe Grillo che critica i commenti, all’uscita di Di Battista, da parte di Matteo Salvini, il segretario del Carroccio.

«L’On. Salvini ha detto che: «Di Battista è un poveretto e fa schifo». I più pericolosi sono stati quelli della lega lombardo veneta che con le loro magliette e i loro maiali hanno istigato odio contro gli arabi ed hanno fatto scaturire gravi disordini, soprattutto in Libia, se non erro». È quanto si legge nel post pubblicato sul blog di Beppe Grillo a firma di john f.e intitolato «I maiali leghisti», in cui si replica alle critiche giunte da Matteo Salvini al post di Alessandro Di Battista sull’Isis. «Attendiamo con ansia il ritorno dell’On. Salvini a Napoli per ribadirgli il nostro affetto e la nostra stima. Soprattutto in merito ad un nuovo movimento che vorrebbe creare al sud, collegato alla lega lombardoveneta», sottolinea ancora il post, al quale si accompagnano diversi commenti che non risparmiamo critiche e offese al partito leghista.

Non è tardata la replica del Carroccio con il posto su Twitter del capogruppo della Lega Nord alla Camera, Massimiliano Fedriga: «Beppe Grillo da dei maiali ai leghisti per difendere i terroristi islamici. È un onore essere insultati dagli amici degli assassini di #Isis».

mader