Archivi Categorie: L’Huffington Post

SALVINI: "IO E MAURIZIO LANDINI POTREMMO SCAMBIARCI LE FELPE"


Matteo Salvini e Maurizio Landini che si scambiano la felpa, loro che, da parti contrapposte, hanno fatto della felpa personalizzata un marchio di lotta politica. Eppure succede anche questo a Legnano, dove Salvini e Landini si ritrovano uniti nella comune lotta per salvare i posti di lavoro della Franco Tosi, storica azienda metalmeccanica.

E’ lo stesso Salvini, leader della Lega, a dire che da tempo “studia” Landini, segretario della “rossa” Fiom.

“E’ da tempo che dialogo con la Fiom – spiega all’Huffington Post Salvini – per il rilancio di una delle più celebri aziende italiane come peraltro sul referendum per abrogare la legge Fornero. Il governo Renzi, come i predecessori, mancano deliberatamente di una seria politica industriale. E se con la Fiom dialoghiamo non mi sembra nulla di incredibile”.

Un dialogo che potrebbe sfociare in uno storico scambio di felpe. Continua Salvini:

“Le felpe sono in effetti un must mio e di Landini. Magari oggi coi rappresentanti della Fiom potremmo scambiarcele. Lo scandalo non è questo come a sinistra qualcuno vorrebbe far credere. La vergogna è che il lavoro sia stato dimenticato come priorità. A sinistra come a destra.”
mader

Annunci

MASSIMO ARTINI (M5S): "NESSUNA LEGITTIMAZIONE POLITICA ALL’ISIS"


Una decina di parlamentari del Movimento 5 stelle, coordinati da Massimo Artini e da Carlo Sibilia, stanno mettendo a punto una risoluzione sulla situazione irachena che prevede la promozione di una conferenza di pace internazionale con il coinvolgimento di paesi come l’Iran e l’Arabia Saudita.



Ma nessun riferimento alla possibilità di intavolare un dialogo con l’Isis, come prospettato da Alessandro Di Battista. Proprio le parole del vicepresidente della commissione Esteri della Camera hanno creato un certo scompiglio tra le fila del Movimento, che se è d’accordo sulle richieste fondamentali da avanzare nel proprio documento, ha d’altro canto intavolato una vivace discussione che ha procrastinato a domani mattina la messa a punto del testo definitivo.

È Artini a sottolineare una certa perplessità in materia: “Bisogna assolutamente evitare che l’Isis diventi un interlocutore, non possiamo permetterci di darli una legittimità politica. Non sono mica partigiani che difendono le loro case, la maggior parte di loro sono mercenari pagati per combattere”. Più sfumata la posizione di Sibilia: “Abbiamo voluto sollevare due questioni. La prima è che il terrorismo è un effetto, non una soluzione, e per eliminarlo bisogna aggredirne le cause. 
La seconda è la messa in discussione di equilibri internazionali che oggi sono imposti. 
Non ci si può lavare la coscienza con un passaggio in Commissione senza interpellare il Parlamento su una questione così fondamentale”.

 
Il Movimento 5 stelle lo metterà nero su bianco: no armi ai peshmerga. E su questo chiederà un voto, qualunque cosa succeda. È Sibilia ad annunciarlo: “Domani il governo farà la sua informativa. Noi alla fine ci alzeremo e chiederemo che le Commissioni votino la nostra risoluzione, non possono Federica Mogherini e Roberta Pinotti decidere per conto loro un intervento militare”.

Su tutto il resto regna la confusione. Un post di Aldo Giannuli sul blog di Beppe Grillo in giornata dettava una linea diversa: “Armare i curdi? Se ne può discutere, ma entrando nel merito”. Parole liquidate da Sibilia: “È la sua opinione, la linea politica del M5s su questo è netta”. “Sono d’accordo con Giannuli – replica Artini – Il punto è che non si possono fornire armi tout court rischiando che vengano vendute al mercato nero. Non si può fare dei curdi il braccio armato degli americani. 
Diverso è dargli una loro specificità politica, perché nel panorama dell’area si sono sempre rivelati interlocutori affidabili, e politicamente più democratici di altri”.

mader
articolo competo di  Pietro Salvatori per  L’Huffington Post

PARRUCCA E BARBA GRIGIA DA BEPPE SI VENDONO GRILLO SU EBAY. PREZZO IN EURO: 21,96; PRODOTTI VENDUTI: 4


L’annuncio comparso su Ebay recita così: “Vendesi parrucca e barba grigia Beppe Grillo”. Il costo è di 21 euro e 96 centesimi, spedizione gratuita. La quantità totale del prodotto è di sette “esemplari”, di cui 4 sono già stati venduti.


La satira nei confronti di Beppe Grillo si rivolge ancora una volta alla sua fluente chioma argentata, arricchita da un’abbondante barba incolta, e questa volta trova spazio su Ebay, dove addirittura è stata messa in vendita una parrucca e una barba – accompagnata da una foto esplicativa – identiche a quelle del comico genovese.

In ogni caso la trovata sta riscuotendo successo, dato che quattro utenti hanno già eseguito l’acquisto e i prodotti ancora disponibili sono solo tre.

mader

Alessia Biancalana per L’Huffington Post