Carlo Azelio Ciampi, Giorgio Napolitano, mader, Napolitano, Presidente della Repubblica, Quirinale

NAPOLITANO E CIAMPI. IL PRESIDENTE SECONDO GLI ITALIANI


Con buona pace di Grillo e dei grillini l’elezione del nuovo presidente della Repubblica risulta meno importante agli italiani: sono fiduciosi in quanto ritengono che l’inquilino del Colle è sempre stato un galantuomo e continuerà a esserlo. Ne sono prova gli indici di gradimento degli ultimi due presidenti, con Carlo Azeglio Ciampi che ha concluso il suo mandato oltre l’80% e Giorgio Napolitano che nel corso dei suoi nove anni ha raggiunto la punta massima del 90%. Sono i dati forniti dal sondaggista Nicola Piepoli, fondatore e presidente dell’Istituto Piepoli.

Quale presidente della Repubblica vogliono gli italiani?

Gli italiani vogliono un presidente della Repubblica non dissimile da quelli che ci sono stati in passato, cioè un gentiluomo o – se sarà una donna – una gentildonna. Gli italiani sanno che al Quirinale sarà eletta una persona degna. E’ sempre stato così e continuerà a esserlo, questa è la fiducia che hanno gli italiani.

Preferiscono un uomo o una donna? Un presidente politico o uno non politico?

Non ci sono preferenze rispetto al fatto che il nuovo inquilino del Colle sia un uomo o una donna. Tra un presidente politico e uno non politico, automaticamente si sceglie il secondo.

In termini di priorità agli italiani quanto interessa la partita per il Quirinale?

Agli italiani interessa una sola cosa: il reddito. Se il governo garantisce agli italiani pane e companatico ha l’appoggio degli elettori, altrimenti non ce l’ha. Gli italiani inoltre sono estremamente favorevoli agli investimenti, non perché auspichino di per sé che si facciano strade, case o alta velocità, bensì perché in questo modo aumenta il Pil e quindi il reddito individuale. All’interno di una lista di priorità, il reddito assorbe quasi il 90% delle preferenze.

Qual è stato in questi anni il gradimento di Napolitano?

In alcune fasi Napolitano ha raggiunto il 90% di gradimento. Significa superare i re d’Europa, il cui gradimento è tra l’80 e il 90%. In tutta la storia repubblicana del nostro Paese, solo Carlo Azeglio Ciampi ha avuto lo stesso gradimento di Napolitano. Ciampi è arrivato all’86% e ha concluso il suo mandato oltre l’80%, mentre Napolitano dopo nove anni finisce al 58% dimostrandosi un primatista in termini di fiducia.

Nel corso del 2014 ci sono state variazioni consistenti?

Tra gennaio e dicembre di quest’anno la fiducia nei confronti di Napolitano è sempre stata oscillante intorno al 60%. La punta massima nel 2014 l’ha raggiunta a maggio quanto è stata pari al 64%, quella minima a luglio con il 49%. Ai primi di dicembre ha toccato il 61%, a marzo era al 60%. L’ultimo dato risulta pari al 58%.

A riconoscersi nel presidente della Repubblica sono gli elettori di tutti i partiti politici?

Su una media del 58%, ad avere fiducia nel presidente della Repubblica è il 76% degli elettori di centrosinistra, il 43% di quelli di centrodestra e il 26% dell’M5S. Fatta eccezione per i Cinque Stelle, si tratta comunque di un dato elevato: quando supera il 40% la fiducia è infatti piuttosto alta. Data la fiducia che gli italiani hanno nella loro stella, la probabilità che il nuovo presidente sia un galantuomo o una gentildonna come in passato è piuttosto elevata.

mader
Pietro Vernizzi per Il Sussidiario
Annunci
Beppe Grillo, Grillo, mader, Matteo Renzi, Movimento 5 stelle, Renzi

SANSONETTI: GRILLO E I MAGISTRATI RIFIUTANO LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA


Piero Sansonetti, direttore del quotidiano Il Garantista, intervistato da Pietro Vernizzi per Il Sussidiario, dice la sua sul M5S e la riforma della giustizia:


“Come vede questo scontro tra M5S e Renzi sulla riforma della giustizia?

Il M5S non ha nessun motivo per volere una riforma della giustizia. Qualora si dovesse fare, e non si farà, una riforma della giustizia ridurrebbe il potere dei magistrati.

Il M5S è il nuovo partito dei giudici come era l’Italia dei Valori?

C’è una differenza radicale tra Grillo e Di Pietro. L’Italia dei Valori era un partito legato a magistratura e legalità in modo molto organico. Il M5S invece è contemporaneamente un movimento legalitario, ma anche anarchico e a volte fascista. E’ difficile definirlo come il partito dei giudici, perché la sua ideologia non si caratterizza in questo modo. Mentre il Fatto Quotidiano è il giornale “Law and Order”, “Legge ed Ordine”, reazionario e legalitario, nel M5S è difficile trovare tutto ciò. Il movimento di Grillo è legalitario ma anche sovversivo.

Tra i partiti d’opposizione, solo Forza Italia sta collaborando con il governo sulla riforma della giustizia. Era una cosa prevista dall’accordo del Nazareno?

Non era una cosa prevista dal Nazareno, che non è un protocollo. Sicuramente l’accordo del Nazareno ha aperto una collaborazione tra Forza Italia e il Pd che poi è continuata. L’incontro tra Renzi e Berlusconi ha messo in moto un processo, cioè una collaborazione tra la principale forza di governo e una delle due forze di opposizione. Me lo lasci dire, vedere patti segreti ovunque è una boiata, altrimenti si arriva a dire, come ha fatto Davide Bono del M5S, che il giornalista americano James Foley è stato ucciso per fare un piacere a Renzi che doveva visitare l’Iraq.

Perché prima ha detto che la riforma della giustizia non si farà?

Perché vi si oppone la forza politica più influente presente nel nostro Paese, cioè l’Associazione Nazionale Magistrati. Sul fatto che non si farà nessuna riforma della giustizia sono pronto a scommettere anche cifre molto alte.

Processi civili più rapidi toglierebbero potere ai magistrati?

Sì, e del resto una riforma della giustizia non si può fare senza togliere potere alla magistratura. I giudici hanno in mano tutto, possono fare i processi a chi vogliono, farli o non farli, farli durare tanto o poco. Quando la magistratura ha deciso che avrebbe condannato Berlusconi in due anni ci è riuscita tranquillamente. I processi in Italia non sono lunghi o brevi, ma come i giudici vogliono che siano, e questo è un potere enorme.

Che cosa accadrà a Renzi se insisterà sulla riforma della giustizia?

Renzi non è uno sprovveduto, e non insisterà affatto sulla riforma della giustizia.

Perché allora il premier ha detto che è la nuova priorità, tanto da dire che se ne parlerà nel consiglio dei ministri del 29 agosto?

Se ne parlerà anche molto a lungo, ma alla fine non si farà nulla. Renzi ha un problema di rapporti con Berlusconi. Il Cavaliere vuole la riforma e gliela chiede, e il premier deve in qualche modo traccheggiare. Renzi deve trovare il modo per liberarsi della riforma, per allontanarla, per spostarla senza rompere con Berlusconi.”


 mader